Come creare un NFT (e perché non conviene farlo da soli)

Written by on 16/06/2022

Gli NFT sono diventati un fenomeno culturale nel corso dell’ultimo anno, facendo costantemente notizia con le celebrità che si cimentano in questo settore e con le truffe, le frodi e le battaglie legali che ne conseguono.

Anche se è difficile dire se manterranno o riacquisteranno la loro popolarità dopo uno o due crolli del mercato, ci sono ancora molti motivi per cui qualcuno potrebbe voler provare a farne uno. Chi può resistere a un campo in cui i creatori hanno guadagnato milioni?

Stiamo per spiegare come creare un NFT utilizzando due dei marketplace più popolari, ma prima di arrivare a questo punto, affrontiamo alcune nozioni di base su cos’è un NFT e sulle decisioni che dovrete prendere prima di decidere di venderne uno. (Se siete relativamente pronti, potete passare alla fase 3 per iniziare a creare un token).

Fase 1: capire cos’è un NFT

Ascoltate, non c’è alcun giudizio se siete arrivati qui senza sapere bene cosa siano gli NFT. Forse un amico vi ha detto: “Ehi, dovresti vendere quella foto del tuo gatto come NFT”. Ma prima di procedere alla creazione e alla vendita di un NFT, è meglio avere un’idea di ciò che si sta facendo.

Ci sono intere guide che approfondiscono gli NFT e la cultura che li circonda, oltre a una guida sulla tecnologia blockchain utilizzata dagli NFT. Non è necessario studiare ogni parola, ma il resto di questa guida farà riferimento a cose come Ethereum, proof of work e altri concetti simili che potrete comprendere meglio leggendo le nostre spiegazioni.

Ecco comunque un breve riassunto. Gli NFT, o gettoni non fungibili, sono gettoni digitali memorizzati sulla blockchain. A differenza delle criptovalute, dove ogni moneta è uguale all’altra (non c’è motivo di preferire un particolare Bitcoin a un altro), ogni NFT è unico e può essere venduto come un modo per dimostrare la proprietà di una sorta di file digitale.

In quasi tutti i casi, i file non sono effettivamente memorizzati sulla blockchain stessa. Piuttosto, viene memorizzato un link al file, insieme al token che funge da prova di proprietà su ciò a cui punta il link. Inoltre, non c’è alcuna regola che impedisca l’esistenza di due o più NFT per lo stesso file: è possibile avere NFT con edizioni, un po’ come le carte collezionabili. Ad esempio, un NFT può essere raro perché ne esistono solo 10 copie o comune perché migliaia dello stesso NFT sono stati “coniati”, ovvero scritti sulla blockchain. Inoltre, nulla impedisce a qualcuno di prendere il file che avete usato per il vostro NFT e creare il proprio NFT con esso (anche se la voce della blockchain mostrerà che proviene dal suo account, non dal vostro).

Tecnicamente è possibile vendere qualsiasi file digitale come NFT, ma se si desidera utilizzare gli strumenti di conio semplice di un marketplace, si è limitati ai formati supportati. Ne parleremo più avanti, ma vale la pena ricordare che il vostro primo NFT dovrebbe essere un’immagine, un video o un clip audio di qualche tipo. Se non sapete ancora cosa volete vendere come NFT, questo tipo di restrizioni può aiutarvi a restringere le possibilità. Detto questo…

Fase 2: Assicurarsi di voler effettivamente vendere un NFT

Se avete solo la vaga idea di voler fare un NFT perché apparentemente tutti lo fanno, ci sono alcune considerazioni da fare. La prima è quella delle commissioni di transazione. Mentre le piattaforme che tratteremo oggi vi permetteranno di creare NFT gratuitamente, venderli potrebbe essere una questione diversa.

La maggior parte degli NFT sono venduti sulla blockchain di Ethereum (tratteremo quelle che non lo sono nella prossima sezione), e ogni transazione sulla blockchain di Ethereum costa commissioni che vengono pagate ai minatori. Queste commissioni sono chiamate “gas” e la quantità di gas necessaria per una transazione (e quindi il suo costo) può variare in modo significativo. Quasi tutto ciò che si fa sulla blockchain, dal conio di un NFT al suo trasferimento a qualcun altro, fino all’offerta per acquistarne uno, costerà gas (anche se ci sono alcuni modi per aggirare questo problema per la creazione di NFT, di cui parleremo tra poco).

Vale anche la pena notare che pagare il gas non garantisce al 100% che il trasferimento vada a buon fine. Si può pagare di più per avere maggiori possibilità, ma non è mai una cosa sicura. Per essere chiari, è probabile che la maggior parte delle transazioni vada a buon fine. Tuttavia, se succede qualcosa e la transazione non viene portata a termine, non riceverete indietro le tariffe del gas che avete pagato.

C’è poi l’aspetto ambientale degli NFT. I mercati NFT più popolari (e più facili da usare) funzionano per lo più sulla blockchain di Ethereum, che utilizza un sistema di “proof of work” ad alta intensità di energia (per saperne di più su cosa significhi, cliccate qui). Sebbene si discuta se la vendita individuale di NFT abbia un effetto sull’uso complessivo di energia della blockchain, se i vostri NFT sono costruiti su Ethereum, state utilizzando un sistema che ha una grande impronta di carbonio.

Esistono blockchain che utilizzano sistemi alternativi che non consumano altrettanta energia ed Ethereum ha in programma di passare a un sistema di proof of stake più efficiente in futuro. Tuttavia, questo non è ancora il caso, ed è uno dei motivi per cui le persone potrebbero arrabbiarsi quando altri decidono di vendere NFT.

Fase 3: Scegliere una piattaforma su cui vendere gli NFT

Esistono decine di piattaforme che consentono di vendere NFT su un’ampia varietà di blockchain, per cui è quasi impossibile che una singola guida le copra tutte, tanto meno che vi dica qual è quella giusta per il vostro progetto. In questa guida tratteremo due dei marketplace più popolari, ma sappiate che se nessuna di queste piattaforme è adatta alle vostre esigenze esistono delle alternative, come AtomicHub, che utilizza la blockchain Wax, o Solsea, basata su Solana.

Sia OpenSea che Rarible permettono di creare NFT su Ethereum senza pagare nulla, grazie a quelli che chiamano sistemi di “conio pigro”. Il “lazy minting” consente di creare un NFT e di metterlo in vendita senza che venga effettivamente scritto sulla blockchain, evitando così le commissioni. Quando qualcuno lo acquista effettivamente, le commissioni per la scrittura del NFT sulla blockchain vengono sommate a quelle per il trasferimento all’acquirente. In questo modo si evita la situazione in cui si pagano da 10 a 30 dollari (o più!) per coniare un NFT che poi non viene acquistato da nessuno.

Ci possono essere delle fregature: con OpenSea, la quotazione in vendita del primo NFT di Ethereum richiede l’inizializzazione del conto, che ha un costo (durante i test del giugno 2022, ho visto prezzi intorno ai 60-70 dollari). Si tratta di una tassa una tantum, e dopo averla pagata, sarete in grado di pigiare menta NFT senza dover pagare nulla.

Con Rarible, durante i miei test non ho dovuto pagare questo tipo di tassa. Tuttavia, cercare di rimuovere il proprio NFT dalla vendita costerà una tassa (ho visto prezzi intorno ai 6-8 dollari). Sia Rarible che OpenSea prelevano una commissione del 2,5% da qualsiasi vendita effettuata: se vendete un NFT per 0,025 ETH, riceverete in realtà 0,024375 ETH.

Esistono tuttavia delle alternative alla blockchain di Ethereum. Rarible consente di vendere NFT utilizzando la blockchain Flow (la stessa utilizzata da NBA Top Shot) se ci si iscrive utilizzando il portafoglio Blocto, e sia Rarible che OpenSea consentono di vendere utilizzando la blockchain Polygon. Entrambe le opzioni prevedono commissioni molto più basse rispetto a quelle che si pagano per l’utilizzo della blockchain Ethereum, se non addirittura nessuna commissione, quindi ci soffermeremo almeno sul loro utilizzo.

Come si può intuire, se non ci fossero inconvenienti o svantaggi per queste blockchain a basso o nullo costo, tutti le utilizzerebbero. Al momento in cui scriviamo, la scelta di utilizzare Flow su Rarible vi limiterà a una singola edizione di NFT (uno di uno) e non potrete venderli con un’asta. Inoltre, quando si utilizzano blockchain non-Ethereum come Flow o Polygon, le persone non possono usare Ethereum per acquistare i NFT (almeno, non senza passare attraverso passaggi aggiuntivi che inducono a pagare). Sebbene entrambe le piattaforme consentano agli acquirenti di aggiungere fondi al proprio portafoglio per completare l’acquisto, il fatto di dover convertire o acquistare un’altra criptovaluta per accaparrarsi il NFT potrebbe scoraggiare alcuni collezionisti.

(Nota: sebbene Polygon permetta di utilizzare Ethereum, in realtà si tratta della versione di Ethereum di Polygon. È possibile trasferire direttamente Ethereum dalla sua blockchain principale a Polygon e poi ritrasferirlo, ma ciò comporta l’applicazione di commissioni per il gas).

Devo usare un sito di mercato per creare un NFT?

Tecnicamente, no. È possibile creare il proprio contratto intelligente, distribuirlo sulla blockchain di propria scelta e poi coniare i propri token utilizzandolo. Si tratta però di un salto nel vuoto e probabilmente non è la strada da percorrere, a meno che non siate molto tecnici. La maggior parte delle persone vorrà utilizzare una delle piattaforme discusse in precedenza.

Fase 4: Configurare un portafoglio

I portafogli sono le applicazioni che utilizzate per conservare le vostre criptovalute, oltre a qualsiasi NFT che finite per coniare o acquistare. Coinbase spiega in modo più approfondito come funzionano i portafogli e le diverse opzioni disponibili, ma se avete appena iniziato, la cosa principale di cui dovete preoccuparvi è usare un portafoglio compatibile con la blockchain che state utilizzando.

Il portafoglio di MetaMask è uno dei portafogli ampiamente supportati da applicazioni basate su Ethereum come OpenSea, Foundation e altre e può essere utilizzato come estensione per Chrome/Fox o come applicazione per iOS/Android. Anche Coinbase ha un proprio portafoglio che può essere utilizzato come estensione o app ed è supportato dalla maggior parte delle piattaforme. Potreste prendere in considerazione il portafoglio di Coinbase se avete intenzione di entrare nel mondo delle criptovalute in modo più ampio, in quanto supporta le blockchain non basate su Ethereum, come il Bitcoin.

I processi di configurazione di MetaMask e Coinbase Wallet sono simili. Una volta installata l’estensione del browser o l’app, fate clic o toccate il pulsante “Crea nuovo portafoglio”. Coinbase vi chiederà un nome utente ed entrambi vi chiederanno una password, che dovrete assicurarvi sia sicura (preferibilmente generandola e salvandola in un gestore di password).

Infine, sia MetaMask che Coinbase vi daranno la cosiddetta “frase di partenza”, ovvero 12 parole casuali. È molto importante non perderla, perché vi permetterà di recuperare il vostro conto se, ad esempio, disinstallate l’applicazione o dovete configurare il vostro portafoglio su un nuovo dispositivo. È una buona idea copiarla e conservarla in un luogo molto sicuro, come una cassaforte fisica o un gestore di password (o entrambi). MetaMask vi chiederà di ripetere la frase, mentre Coinbase Wallet vi chiederà se volete memorizzare una copia crittografata sul cloud se lo configurate tramite l’app. Se state configurando Coinbase con l’estensione o scegliete di eseguire manualmente il backup invece di salvarlo nel cloud, la procedura sarà la stessa di MetaMask, in cui dovrete reinserire la frase manualmente.

Se perdete la password e/o la frase di sicurezza, sarete sfortunati sia con MetaMask che con Coinbase Wallet: nessuna delle due società potrà fare nulla per aiutarvi. Ciò significa che perderete l’accesso a tutte le criptovalute o agli NFT memorizzati in quel portafoglio, nonché ai conti che avete creato con esso. Perciò, tenete seriamente al sicuro la vostra password e la vostra frase segreta. Infine, avrete accesso al vostro portafoglio, che non contiene ancora nulla!

Fase 5: Collegare il portafoglio

Dopo aver configurato il vostro portafoglio, dovrete collegarlo al marketplace NFT che intendete utilizzare. OpenSea e Rarible facilitano questa operazione: facendo clic sul pulsante Crea in alto a sinistra viene richiesto di collegare il portafoglio. A questo punto vi verrà presentato un elenco di portafogli compatibili e scegliendo il vostro vi verrà richiesto di eseguire il processo di connessione.

Se avete installato Metamask o l’estensione di Coinbase, vedrete un pop-up che vi chiederà se volete collegare il vostro portafoglio, cosa che può essere fatta con pochi clic. Se si utilizza l’app Coinbase Wallet, è possibile connettersi al marketplace anche utilizzando lo scanner del codice QR (che si trova a destra del saldo nella schermata principale del portafoglio).

Una parola di cautela per il futuro: fate attenzione se vedete una richiesta di connessione al vostro portafoglio quando non ve l’aspettate, perché i truffatori potrebbero cercare di accedere ai vostri fondi o agli NFT. Se vi trovate su un sito affidabile, in genere dovreste essere a posto (almeno, se non c’è qualcosa che non va – assicuratevi di controllare le transazioni per assicurarvi che siano corrette). Ma se un sito sconosciuto chiede di connettersi al vostro portafoglio, dovreste pensarci due volte prima di accettare.

fase 6: Creare un NFT

Dopo aver collegato il vostro portafoglio, arriverete alla pagina che si usa per creare un NFT (e se non ci arrivate, potete arrivarci cliccando sul pulsante Crea che entrambe le piattaforme mettono nell’angolo in alto a destra).

Prima di iniziare a creare le nostre NFT, una parola sulle raccolte: entrambe le piattaforme supportano le raccolte, che sono più o meno quello che sembrano. Se volete creare una serie di NFT, potete usare una collezione per farlo: su Rarible, potete crearne una direttamente dalla schermata di creazione dell’NFT, alla quale verrà aggiunto l’NFT che state creando. Su OpenSea, dovrete andare sulla vostra immagine del profilo in alto a destra, quindi andare su Le mie collezioni > Crea una collezione.

Ora, finalmente, iniziamo a lavorare sul nostro NFT.

 

Elencare un NFT su OpenSea!

Dopo aver fatto clic sul pulsante Crea, si accede alla pagina di creazione di un nuovo oggetto. Per iniziare, fate clic sulla casella con l’icona di un’immagine, che vi consentirà di caricare il file che venderete come NFT (ma fate attenzione alle limitazioni di dimensione e tipo di file indicate sopra il selettore).

Dopo aver aggiunto il file, assegnategli un nome o un titolo. È inoltre possibile utilizzare il campo Link esterno per aggiungere un URL che punti, ad esempio, al proprio sito web o all’account Twitter, e utilizzare il campo Descrizione per dare ai potenziali acquirenti un’idea più precisa di cosa sia il vostro NFT.

Sotto questi campi, potete scegliere una collezione per il vostro NFT, se ne avete impostata una, e aggiungere proprietà, livelli o statistiche che possono fungere da metadati. Se state vendendo un NFT che potrebbe fungere da personaggio di un videogioco, ad esempio, qui è dove inserirete le sue informazioni. Se si vende un’opera d’arte, si può usare il pannello delle proprietà per aggiungere informazioni su di essa, come il supporto, l’anno, ecc. Tuttavia, tutti questi campi sono opzionali, quindi molte persone probabilmente li ignoreranno.

OpenSea consente anche di aggiungere del testo che funge da contenuto sbloccabile, che l’acquirente/proprietario dell’NFT potrà vedere. Si può usare questo campo attivabile per includere qualcosa come un link di invito a un Discord privato, un codice per riscattare qualcosa su un sito web esterno o anche solo un messaggio di ringraziamento per l’acquisto. È anche possibile utilizzare il toggle per i contenuti espliciti e sensibili se la vostra NFT è di natura NSFW.

Dopo questi campi si trova il menu a tendina per selezionare la blockchain su cui coniare l’NFT: la catena di Ethereum o quella di Polygon. Per maggiori informazioni sui pro e i contro di ciascuna di esse, si veda il passaggio 3, ma per il nostro esempio sceglieremo Polygon, che al momento non richiede il pagamento di alcuna commissione. Se scegliete Polygon, avrete anche la possibilità di coniare più copie del vostro NFT.

Dopo aver scelto la vostra blockchain, dovrete ricontrollare tutto. OpenSea vi permette di modificare i metadati in seguito, purché non li abbiate messi in vendita, ma è buona norma assicurarsi che tutto sia a posto prima di fare qualsiasi cosa legata alla blockchain. Si noti che non sarà possibile cambiare la blockchain su cui si trova l’NFT dopo il fatto.

Una volta che si è pronti, si può fare clic sul pulsante Crea. A seconda delle opzioni selezionate e del tipo di file che state vendendo come NFT, il caricamento potrebbe richiedere un po’ di tempo. Al termine, verrà visualizzata una schermata che indica che il vostro NFT è stato creato.

Tuttavia, il vostro NFT non è ancora in vendita su OpenSea: per farlo, dovrete fare clic sulla schermata di congratulazioni per raggiungere la pagina del vostro NFT (potete anche raggiungerla facendo clic sull’immagine del vostro profilo, facendo clic sulla scheda Creato e selezionando il NFT). Nella pagina della NFT ci sarà un pulsante Vendi.

Con gli NFT quotati su Ethereum o Polygon, avrete la possibilità di creare un’inserzione a prezzo fisso, mentre su Ethereum avrete la possibilità di creare anche un’asta a tempo. Per un’inserzione a prezzo fisso, dovrete semplicemente inserire l’importo per il quale volete vendere l’oggetto (elencato in Ethereum, ma vi fornirà un importo approssimativo in dollari) e scegliere per quanto tempo volete che l’inserzione sia disponibile.

Poiché l’NFT sarà disponibile per l’acquisto non appena lo si inserisce nell’elenco, è possibile renderlo disponibile solo per un acquirente specifico utilizzando il menu a tendina “Altre opzioni”.

Per mettere in vendita il vostro NFT, fate clic sul pulsante “Completa l’inserzione”. Dovrete confermare, o firmare, alcune transazioni con il vostro portafoglio, utilizzando l’estensione del browser o l’app. Su Polygon, le transazioni sono gratuite e viene visualizzata una schermata che indica che l’oggetto è stato inserito nell’elenco.

Su Ethereum, dovrete effettuare una transazione di approvazione una tantum per “inizializzare” il vostro portafoglio se si tratta del vostro primo NFT, di cui abbiamo parlato sopra. Per farlo, dovrete avere Ethereum nel vostro portafoglio. L’acquisto di criptovalute potrebbe essere oggetto di una spiegazione a parte, ma ecco una guida per iniziare.

Il denaro per questa transazione è destinato solo alla gas fee, non a una commissione per OpenSea. Nei miei test iniziali del dicembre 2021, ho visto prezzi da circa 240 a 450 dollari, ma nel giugno 2022 questi prezzi erano scesi a 50-60 dollari. In pratica, tutto dipende dal prezzo di Ethereum e da quante persone cercano di effettuare transazioni, quindi se le commissioni sembrano elevate è meglio aspettare che il prezzo scenda – si può usare un sito come ETH Gas Station per monitorare i costi delle transazioni, oppure fare attenzione all’avviso di commissioni elevate in MetaMask.

Dopo aver approvato e firmato tutte le transazioni, il vostro NFT verrà messo in vendita su OpenSea.!!!

 

Elencare un NFT su Rarible

La prima domanda che Rarible vi porrà è su quale blockchain volete coniare il vostro NFT, offrendovi le opzioni di Ethereum, Flow, Tezos o Polygon. A differenza di OpenSea, il sito non copre le commissioni di Polygon, quindi dovrete pagare per coniare o vendere un NFT se utilizzate quella blockchain. Per questo esempio, utilizzeremo Ethereum.

Dopo aver scelto la blockchain, dovrete decidere se creare un NFT in edizione singola o in edizione multipla, ovvero se creare un NFT unico o un NFT in edizione limitata ma acquistabile da più persone. Le schermate in cui vi ritroverete sono in gran parte simili (anche se potrete usare Ethereum solo se state creando un’edizione multipla e dovrete specificare il numero di copie che volete vendere), ma per questo esempio sceglieremo la versione singola.

Dopo aver scelto single su Rarible, vi ritroverete nella schermata di creazione dell’NFT. La prima cosa da fare è caricare il file digitale che si desidera vendere come NFT, utilizzando il pulsante Scegli file. Alla fine, il file finirà sull’InterPlanetary File System, o IPFS, un sistema decentralizzato di archiviazione dei file multimediali che consente di evitare che il file NFT scompaia da Internet se una società decide di non ospitarlo più.

Come OpenSea, Rarible può richiedere un’immagine di anteprima separata per alcuni tipi di file multimediali, come i video o la musica: si tratta di una miniatura del video o della copertina dell’album, che verrà visualizzata ogni volta che l’NFT viene visualizzato sul sito.

Successivamente, è necessario impostare le opzioni di vendita. Se non volete ancora vendere il vostro NFT, potete disattivare l’interruttore “Metti sul mercato”, che è attivo per impostazione predefinita. Se invece volete vendere il vostro NFT, avrete delle opzioni.

L’opzione “Prezzo fisso” è come la creazione di un’inserzione in un negozio: si stabilisce un prezzo per il proprio NFT e se qualcuno vuole pagare quel prezzo, può semplicemente acquistarlo.
L’opzione “Aprire alle offerte” consente di presentare offerte per l’acquisto del vostro NFT, che potete accettare o rifiutare.
“Asta a tempo” è un’asta: potete impostare un prezzo minimo e scegliere quando l’asta inizierà e quanto durerà.

Per questo esempio, sceglieremo di quotare il nostro NFT a un prezzo fisso, che possiamo inserire nel campo. Si può anche scegliere la valuta di ricezione (le persone possono comunque inviare offerte in valute diverse). Quando impostate il prezzo, ricordate che Rarible prenderà il 2,5% se il vostro NFT viene venduto.

Dopo aver scelto il metodo di vendita e i dettagli, avrete la possibilità di aggiungere contenuti sbloccabili, che saranno forniti all’acquirente. Potrebbe trattarsi di un link di invito a un Discord privato, di un codice per riscattare qualcosa su un sito web esterno o anche solo di un messaggio di ringraziamento per l’acquisto.

Le due opzioni successive consentono di scegliere la collezione (per il nostro esempio sceglieremo Rarible Singles) e l’opzione Free Minting, che consente di scegliere se utilizzare o meno il sistema di conio pigro di Rarible, di cui abbiamo parlato nella fase 3. Se lo disattivate e utilizzate la blockchain di Ethereum, dovrete pagare una tassa sul gas per coniare il vostro NFT alla fine di questo processo – quando ho fatto il test, la tassa era di circa 20 dollari.

A questo punto si dà al proprio NFT un nome – o titolo – e una descrizione, se si vuole. Infine, potete scegliere la percentuale di royalty. Questo cambierà la percentuale di ogni vendita successiva che vi verrà restituita in futuro. Ad esempio, se qualcuno acquista il vostro NFT per 0,2 ETH e poi lo rivende per 1 ETH in futuro, riceverete una percentuale anche di questa vendita – per impostazione predefinita, è del 10% (quindi 0,1 ETH nel nostro esempio).

L’ultima opzione è quella delle Impostazioni avanzate, che vi permette di aggiungere proprietà al vostro NFT (cosa del tutto facoltativa, ma che potrebbe essere utile se doveste creare una serie di personaggi con proprietà diverse) e un testo di descrizione alternativo, che vi aiuterà a rendere il vostro NFT più accessibile.

Controllate che tutto sia esattamente come lo desiderate, perché potrebbe essere costoso o impossibile modificarlo in seguito. Quindi, quando siete sicuri che il vostro NFT sia pronto, fate clic sul pulsante “Crea oggetto”.

Questo darà il via a una serie di azioni, durante le quali dovrete approvare alcune transazioni con il vostro portafoglio. Se si utilizza un’estensione del browser, dovrebbe apparire un pop-up quando Rarible richiede la firma (in caso contrario, è possibile fare clic sull’icona dell’estensione nel browser, che dovrebbe presentare le richieste). Se utilizzate un’applicazione, dovrete aprirla sul vostro telefono, dove vi verrà presentata la richiesta.

Dopo aver approvato alcune richieste di portafoglio e aver atteso un attimo, si riceverà un messaggio che indica che il proprio NFT è stato creato. Potete fare clic sul pulsante “Visualizza NFT” per vederlo e potete vedere la vostra collezione andando sulla vostra immagine del profilo in alto a destra e facendo clic su “Il mio profilo”.

“Ho creato un NFT, ma non è apparso nel mio portafoglio.”

Non c’è da preoccuparsi se il vostro portafoglio ha una sezione NFT e l’NFT che avete creato con questa guida non compare. Il vostro portafoglio legge le voci dalla blockchain per capire cosa deve visualizzare, e i NFT coniati in modo pigro non vengono effettivamente scritti sulla blockchain fino a quando qualcuno non li acquista; pertanto, non appariranno nel vostro portafoglio subito dopo averli creati.

 

Conclusione:

Se tutto è andato bene, ora avrete un NFT in vendita su Rarible, OpenSea o entrambi. Tuttavia, è improbabile che questo vi porti molto lontano: come avete visto, il processo è relativamente complicato, ma l’ambiente di corsa all’oro che circonda gli NFT ha portato molti a provare a crearne uno. Se volete che la vostra creazione venga effettivamente venduta, dovrete probabilmente trovare un modo per elevarvi al di sopra del rumore, o attraverso un marketing accattivante o rendendo la vostra arte assolutamente eccezionale (e poi probabilmente facendo un po’ di marketing accattivante). Questo compito, tuttavia, lo lascio nelle vostre mani. O se proprio non sapete come fare…contattateci!

MARKETING PER PROGETTI DIGITALI E NFT

 

Come creare una NFT - e perché non conviene farlo


Tagged as ,





Please visit Appearance->Widgets to add your widgets here