Come funziona l’algoritmo di ricerca di Google nel 2021?

Written by on 10/11/2021

Come funziona l’algoritmo di ricerca di Google nel 2021?

Per un digital marketer, un content marketer o un SEO marketer, il mistero intorno all’algoritmo di ricerca di Google può essere frustrante e intrigante in egual misura. Ci sono innumerevoli articoli là fuori che mirano a fare un po’ di chiarezza su questo argomento, ma questi possono spesso cadere nel regno delle speculazioni e delle opinioni, piuttosto che in qualcosa di concreto. Quindi, come funziona davvero l’algoritmo di ricerca di Google, e come puoi assicurarti che il tuo contenuto sia allineato con esso?

Cos’è l’algoritmo di ricerca di Google?

L’algoritmo di ricerca di Google si riferisce al processo interno che Google utilizza per classificare i contenuti. Prende in considerazione una serie di fattori quando determina queste classifiche, come la rilevanza e la qualità del contenuto rispetto a una particolare query di ricerca. Prima di approfondire quali sono esattamente questi fattori, però, è una buona idea capire prima il contesto più ampio del processo di ranking di Google.

Questo processo è diviso nelle seguenti tre fasi:

Crawling: La prima fase coinvolge i bot di Google (i famigerati “spider”) che scansionano il web e cercano pagine web nuove o aggiornate. In generale, più link ha una pagina, più facile è per Google individuarla. Le pagine devono essere scansionate e indicizzate per essere classificate.

Indicizzazione: Il passo successivo di Google è quello di analizzare questi URL e cercare di capire di cosa tratta ogni pagina. Lo fa guardando da vicino il contenuto, le immagini e altri file multimediali sulla pagina, e poi memorizza queste informazioni in un enorme database noto come l’indice di Google. È vitale durante queste prime due fasi che il tuo SEO tecnico sia in buon ordine, e che la tua sitemap, le intestazioni e i tag siano stati configurati correttamente.

Ranking: Il passo finale è quello di determinare quali di queste pagine sono le più rilevanti e utili per una particolare query di ricerca. Questa è conosciuta come la fase di ranking, ed è qui che entra in gioco l’algoritmo di ricerca di Google.

Come funziona l’algoritmo di ricerca di Google?

Purtroppo, la risposta breve a questa domanda è che, al di fuori della cerchia interna di Google, nessuno lo sa veramente! Ci sono due buone ragioni per questo. In primo luogo, l’algoritmo è un segreto commerciale strettamente custodito, e rilasciarlo diminuirebbe notevolmente il valore dell’azienda.

Ancora più importante, però, se l’algoritmo fosse reso pubblico, allora chiunque sarebbe in grado di sfruttarlo e falsificare il sistema a proprio favore. Questo genererebbe risultati di ricerca non utili per gli utenti e – data l’influenza e l’importanza di Google come strumento online per le aziende e privati di tutto il mondo – senza dubbio creerebbe un internet peggiore.

Di conseguenza, molti marketer digitali e SEO specialist spesso speculano su come funziona esattamente l’algoritmo, e cosa dovrebbero fare per posizionarsi nelle SERP. Ma solo perché l’algoritmo stesso è off-limits, non significa che Google sia completamente silenzioso sulla questione! Certamente quindi chi è un ottimo professionista sulla materia saprà molto, moltissimo. Non tutto ecco, ma potrà sapere molto.

I canali di comunicazione ufficiali di Google

 

In effetti, dal 2019, Google ha fornito una ricchezza di informazioni e consigli attraverso i suoi canali di comunicazione ufficiali, comprese le linee guida dettagliate su ciò che valuta quando classifica i contenuti. John Mueller, il Senior Webmaster Trends Analyst della società, agisce spesso anche come qualcosa di un portavoce non ufficiale di Google in questo contesto. Attraverso blog regolari, post sui social media e apparizioni in webinar, conferenze e altri eventi mediatici, cerca spesso di colmare il divario di conoscenza tra Google stesso e la più ampia comunità SEO.

Pertanto, come SEO specialist, content marketer o digital marketer, si raccomanda di prestare molta attenzione sia a Google che alle comunicazioni ufficiali di Mueller. Nessuno dei due divulgherà mai informazioni formali sull’algoritmo stesso, naturalmente, ma spesso lasceranno cadere alcuni suggerimenti piuttosto grandi su come stare dalla sua parte.

Aggiornamenti dell’algoritmo

L’algoritmo di ricerca di Google è di natura dinamica e viene sempre modificato per garantire che sia il più utile possibile. In certi momenti, subisce anche aggiornamenti di base più grandi che possono avere un impatto significativo sulle classifiche esistenti, con il risultato che alcuni siti migliorano le loro classifiche e altri le perdono.

Di conseguenza, può essere difficile cercare di capire cosa esattamente si dovrebbe fare come SEO specialist in un determinato momento. Non c’è un calendario fisso per questi aggiornamenti, e per rendere le cose più complicate, Google non sempre conferma se un aggiornamento ha avuto luogo o meno. Tuttavia, è possibile anche utilizzare uno strumento di monitoraggio della volatilità delle SERP per avere un’idea se sono stati fatti dei cambiamenti significativi.

Sei appassionato di SEO? Vuoi diventare un TOP nel settore?  Allora dai uno sguardo ai nostri CORSI PRIVATI! Siamo gli unici in Italia a proporre questo percorso… LA SEO è la nostra casa!


Tagged as , , ,




Continue reading


Please visit Appearance->Widgets to add your widgets here